#minitir ma come ti chiameremo?

16142934_1233839073359131_2990419696007644428_nCon la prima gravidanza non abbiamo avuto nessun problema a scegliere i nomi. Avevamo la scelta di chiamarla Mariavittoria, Ginevra o Sveva.

Ma questa volta non è stato difficile ancora di più. I motivi sono stati tantissimi:

  • io che sono padovana ci sono nomi che a Roma non si usano e viceversa;
  • i nomignoli dei nomi;
  • quello che piaceva a me non piaceva al Tir e viceversa;
  • l’associazione del nome alle persone;
  • chi voleva metterci la bocca sulle nostre scelte.

Ve lo giuro una disperazione, la lista dei nomi si allungava ogni giorno invece di diminuire. Si era pensato persino di fare estrazione ma poi me la sono giocata con “non vorrai farmi chiamare mio figlio con un nome de merda?!” con questa scusa credo che la lista era aumentata e la scelta del nome era sempre più distante.

Il ginecologo lo chiama “l’innominato“giusto per farvi capire, la prossima visita gli annunceremo il nome e già so che ci dirà “meno male, visto che tra un po’ devi partorire!! “

Ma poi tutti non ti chiedono mai “come stai?!” ma  “come si chiamerà?” la risposta è sempre stata “NON ABBIAMO ANCORA DECISO!” e poi pensi subito questa persona come si chiama? E’ nella lista dei nomi? Perché se lo è cancelliamo subito che mi sta già sulle balle!

Diciamo la verità abbiamo veramente faticato a scegliere il nome perché ogni nome veniva associato ad una persona che conoscevamo. Il Tir diceva il nome e io gli facevo vedere la foto e arrivavamo a dire “ma anche no!!!!”.

Solo quando devi scegliere il nome di tuo figlio capisci quanta gente non sopporti realmente!!!

A 31+2 abbiamo scelto il nome, ho stressato il Tir quanto basta per farmi dire “VAAAAAAA BENE!”.

Adesso anche MiniTir ha un nome…composto, lungo quanto basta per farci sempre odiare quando sarà grande, ma frutto di mesi e mesi di indecisione.

Comunque se era femmina questi problemi non li avevamo per nulla perché si sceglieva tra Ginevra e Margherita….

 

Rispondi