Ho la placenta previa

img_1704Ognuna immagina la propria gravidanza qualcosa di bello e fantastico e credo che questo pensiero possa avvenire esattamente quanto tutto va bene ma quando qualcosa va male si vive con l’ansia e la paura.

23 settimane che vorrei vivere questa mia gravidanza in modo  spensierato e invece la vivo male…abbiamo avuto una partenza non di quelle meravigliose ma poi quando il distacco della placenta non c’era più; quando ho finito di assumere gli ormoni; quando ho finito di stare nella mia prigione ovvero il letto; quando ho finito di vomitare l’anima pensavo e speravo che mi potevo godere questo momento così tanto voluto e desiderato in maniera felice e invece no! Dalla serie #mainagioia.

Invece non riesco ad essere felice  e spensierata perché ogni volta che vado in bagno controllo che non ci sia sangue; ogni volta che ho il minimo dolore alla pancia inizio a sbiancare; insomma detto tra noi la vivo veramente male.

Qualche settimana mi è stata confermata la placenta previa, in verità lo sapevo da fine Agosto che l’embrione si era attaccato nella parte bassa della cavità uterina e che aveva la forma a cono ma avevamo la speranza che andasse un pochino più su ma invece così non è stato, quindi durante la morfologica hanno confermato ciò che non volevo sentire: PLACENTA PREVIA.

Non mi metto neanche a fare le differenze che ci sono tra le varie placente è che prossimamente dovrò fare la risonanza magnetica per vedere bene la situazione e su cosa fare oggettivamente per il parto e di quanto anticiparlo.

Una cosa che non sapevo che i soggetti alla placenta previa sono coloro che hanno avuto il taglio cesareo precedente e qualche operazione all’utero, quindi IO sono soggetto visto che ho avuto un taglio cesareo, non per mia scelta ma perché Mariavittoria è sempre stata podalica, e che a novembre del 2015 ho avuto l’embolizzazione delle arterie uterine per via della gravidanza istmica.

Tra qualche settimana ritorno a letto fino a quando si deciderà come procedere e solo l’idea mi sento male. Vorrei fare mille cose e invece non le posso fare. Piano piano sto preparando qualcosa per il mio ometto ma ogni volta mi scendono le lacrime perché so che partorirò molto prima rispetto il termine e tutto ciò mi terrorizza. Le mie seghe mentali, le mie aspettative e le mie paure prendono il volo.

Dovrò avere tutta la forza possibile per fare un passo alla volta e so che non sarò sola…oggi sono 23 settimane di convivenza tra noi!

Rispondi