Pensavo di essere multitasking

Ho sempre pensato di essere multitasking ovvero  in grado di svolgere più azioni contemporaneamente.

multitasking

Non lo so se non lo sono mai stata oppure lo sono ma sono in stand by.

Ho capito e scoperto che in questo istante della mia vita non lo sono. Non sono in grado di fare più cose contemporaneamente.

Scrivo ascoltando musica su Spotify e riesco a rispondere ai vari messaggi su WhatsApp o sui social ma stop. Non riesco ad ascoltare una persona mentre scrivo, ho bisogno di concentrami.

Se gioco con i bimbi oppure aiuto Mariavittoria con i compiti devo fare solo quello; non ho la casa da Pinterest; non so stirare e c’è una pila di roba e stendini della biancheria ovunque; ho la fortuna di cucinare solo per la cena quindi mentre c’è qualcosa sul fuoco io posso fare altro ma tranquilli che qualcosa brucerò di sicuro; spesso ho la biancheria lavata in lavatrice anche per 24 ore così sono costretta a fare un lavaggio rapido;

Mi devo dividere tra famiglia, lavoro, casa, passioni e me stessa. Non riesco. Devo rinunciare a qualcosa perché non riesco a fare tutto.

Fino al mio trasferimento a Roma io passavo almeno 2 ore a settimana dall’estetista, ora devo fare le cose velocemente ed essenziali e ho con me sempre Marco Valerio e se mi va male ho anche Mariavittoria (vedi vacanze); il parrucchiere è diventato un grandissimo traguardo visto che ci devo stare 3 ore causa tinta; se devo andare ad eventi o conferenze stampe con me spesso e volentieri trovate anche Marco Valerio.

Non esiste una guida, non esiste una routine per essere una multitasking.

Ci dicono che noi donne lo siamo ma poi lo siamo veramente?

Io solo che ieri mentre sul fuoco c’era la cena, la lavatrice andava, il computer acceso e Marco Valerio in braccio, ho pensato di metterlo in mezzo al lettone circondato da cuscini, perché dovevo solo spostarmi 30 secondi dalla stanza.

30 secondi dove lui è caduto dal letto e ha sbattuto la testa.

Il suo pianto accompagnato dal mio, ho chiamato Andrea in lacrime urlandogli di tornare a casa. Dopo 10 minuti era arrivato.

Non si è fatto nulla ma, per come sono fatta io, sono stata male tutto il giorno.

Ultimamente non dormo molto anzi dalle 2 alle 4 ore e ieri ero sveglia dalle 3.30. Non è una giustificazione anzi…il mio corpo ha chiaramente detto FERMATI.

Chi troppo vuole, nulla stringe…

 

…settimana prossima abbiamo colloqui per trovare una Tata.

 

…un sabato sera esplosivo!

Marco Valerio ha finito di mangiare da poco. Andrea si è finito di preparare e io sono ad un buon punto. Mariavittoria non c’è perché è con il papà.

Siamo noi tre in cucina.

Sta giocando la Roma anzi c’è il derby  ROMA -LAZIO. Quando gioca la Roma si sente ovunque.

Si sente quando vince e quando perde.

Continua a leggere